Publishing Partner: Cambridge University Press CUP Extra Publisher Login

The LINGUIST List is dedicated to providing information on language and language analysis, and to providing the discipline of linguistics with the infrastructure necessary to function in the digital world. LINGUIST is a free resource, run by linguistics students and faculty, and supported by your donations. Please support LINGUIST List during the 2017 Fund Drive.


E-mail this page

Conference Information



Full Title: La Punteggiatura Italiana in Prospettiva Sincronica e Diacronica

      
Location: Naples, Italy
Start Date: 28-Sep-2017 - 30-Sep-2017
Contact: Filippo Pecorari
Meeting Email: click here to access email
Meeting URL: http://www.unior.it/ricerca/15302/3/workshops-congresso-sli-2017.html
Meeting Description: Come si mostra in Ferrari in stampa, le ipotesi più convincenti sulla sostanza semantica della punteggiatura nell’italiano contemporaneo assegnano a essa una funzione comunicativo-testuale (vs sintattica o prosodica). Più precisamente, in questa prospettiva, la funzione della punteggiatura italiana contemporanea può essere vista come duplice: essa segmenta il testo nelle sue unità comunicative costitutive (Enunciati, Unità Informative); e/o introduce nel testo valori di natura comunicativa, come orientamenti argomentativo-tematici, implicature, funzioni illocutive.

Rispetto a una spiegazione sintattica, la concezione comunicativa della punteggiatura ha una serie di vantaggi di carattere descrittivo ed esplicativo (Ferrari 2003, Ferrari/Lala 2013). In particolare: (i) la concezione comunicativa è in grado di descrivere e di spiegare gli usi anti-sintattici della punteggiatura, cioè quegli usi in cui la punteggiatura spezza un legame sintattico (ad esempio, il punto che precede una congiunzione subordinante, o la virgola che estrae un aggettivo semanticamente restrittivo); (ii) essa è in grado di spiegare perché alcuni impieghi che l’approccio sintattico classifica come facoltativi, se si guarda alla realtà dei testi, non lo sono affatto: a volte sono necessari, a volte esclusi (il caso più significativo è quello degli elementi circostanziali che seguono la principale); (iii) la concezione comunicativa può spiegare perché, qualora la scelta di un segno sia davvero facoltativa, vi siano variazioni semantiche, e quale sia la natura di queste variazioni. Passando dalla sintassi alla prosodia, la concezione comunicativa della punteggiatura italiana odierna ha anche il vantaggio di permettere di spiegare qual è la sua relazione con l’intonazione di lettura ad alta voce: in particolare, si può osservare che essa è indiretta, sotto-specificata e parziale (Ferrari/Pecorari in stampa).

Oltre a sistemare in modo convincente i rapporti dell’interpunzione con la sintassi e la prosodia, un’analisi di tipo comunicativo-testuale permette di distinguere la punteggiatura italiana odierna che compare nei testi comunicativi/funzionali sia – sull’asse diacronico – dalla punteggiatura impiegata in Italia e nella Svizzera Italiana fino alla metà dell’Ottocento (Ferrari in revisione a), sia – sull’asse diatopico e tipologico – dalla punteggiatura di alcune lingue europee moderne, come il tedesco (Ferrari/Stojmenova 2014), sia – sull’asse diafasico – dalla punteggiatura utilizzata in tipi di testo particolari, come ad esempio quelli mediati dalla rete o quelli letterari riconducibili al cosiddetto “stile semplice” (Testa 1997, Ferrari in revisione b).

Sullo sfondo del sistema di analisi qui abbozzato, lo scopo di questo workshop è riflettere sulla punteggiatura dell’italiano in prospettiva sincronica e diacronica, investigandone – eventualmente anche da un punto di vista contrastivo – i valori nella scrittura funzionale (stampa, saggistica, manualistica) e nella scrittura letteraria che dialoga con la prosa media comunicativa (“stile semplice”). A titolo indicativo, i relatori potranno dunque considerare i seguenti nuclei tematici (da segnalare esplicitamente nella proposta):

- Teorie odierne della punteggiatura in Italia e fuori dall’Italia.
- Usi interpuntivi nella prosa comunicativa italiana contemporanea (giornali, saggistica, manualistica, scrittura mediata dalla rete ecc.). Descrizioni e spiegazioni.
- Usi interpuntivi nella narrativa italiana riconducibile allo “stile semplice” del secondo Novecento. Descrizioni e spiegazioni.
- Storia dell’uso della punteggiatura italiana (dalle origini ai nostri giorni)
- Storia delle idee sulla punteggiatura italiana (dalle origini ai nostri giorni)
Linguistic Subfield: General Linguistics; Historical Linguistics; Text/Corpus Linguistics; Writing Systems
Subject Language: Italian
LL Issue: 28.351

This is a session of the following meeting:
Le Lingue Extra-Europee e l’Italiano: Problemi Didattici, Socio-linguistici, Culturali

Back
Calls and Conferences main page