Featured Linguist!

Jost Gippert: Our Featured Linguist!

"Buenos dias", "buenas noches" -- this was the first words in a foreign language I heard in my life, as a three-year old boy growing up in developing post-war Western Germany, where the first gastarbeiters had arrived from Spain. Fascinated by the strange sounds, I tried to get to know some more languages, the only opportunity being TV courses of English and French -- there was no foreign language education for pre-teen school children in Germany yet in those days. Read more



Donate Now | Visit the Fund Drive Homepage

Amount Raised:

$34513

Still Needed:

$40487

Can anyone overtake Syntax in the Subfield Challenge ?

Grad School Challenge Leader: University of Washington


Publishing Partner: Cambridge University Press CUP Extra Publisher Login
amazon logo
More Info


New from Oxford University Press!

ad

What is English? And Why Should We Care?

By: Tim William Machan

To find some answers Tim Machan explores the language's present and past, and looks ahead to its futures among the one and a half billion people who speak it. His search is fascinating and important, for definitions of English have influenced education and law in many countries and helped shape the identities of those who live in them.


New from Cambridge University Press!

ad

Medical Writing in Early Modern English

Edited by Irma Taavitsainen and Paivi Pahta

This volume provides a new perspective on the evolution of the special language of medicine, based on the electronic corpus of Early Modern English Medical Texts, containing over two million words of medical writing from 1500 to 1700.


Book Information

   

Title: Mandricardo e la Melanconia
Subtitle: Discorsi diretti e sproloqui nell’Orlando Furioso
Written By: Gian Paolo Giudicetti
URL: http://www.peterlang.com/Index.cfm?vLang=E&vSiteID=4&vSiteName=BookDetail%2Ecfm&VID=21632
Description:

Sono chiacchieroni, laconici, spontanei, retorici: c'è di tutto tra i personaggi
dell'Orlando Furioso. Da Orlando, Rinaldo, Bradamante ai personaggi detti
barbari o minori del poema, quali Rodomonte, Mandricardo, Ricciardetto.
Attraverso le parole i personaggi raccontano, istruiscono, commuovono,
persuadono. Ma quali, tra i tanti personaggi che popolano il poema, fanno un
miglior uso del linguaggio? Quali di loro, parlando, riescono meglio a suscitare
l'interesse e a farsi ascoltare? Come attraverso alcuni di loro ci giunge la
voce di Ariosto? Qual è il rapporto tra parola e azione? In che modo, nel
corso del poema, evolvono i differenti tipi di parola e il loro peso all'interno del
poema?

Brillante, scoppiettante, avventurosa, la prima parte del poema, quella più
romanzesca; bellica, moralista, grave, la seconda, quella più epica. In modo
innovativo, questo libro risponde alla domanda del perché Ariosto faccia
succedere alla leggerezza iniziale la melanconia propria degli ultimi canti,
dovuta alla consapevolezza che si sta avvicinando la fine del poema, e
quindi del racconto. La constatazione, motivata da un'analisi approfondita dei
discorsi dei personaggi, che la melanconia definisce altrettanto il Furioso di
quanto facciano la brillantezza, la digressione, la comicità, costituisce
l’originalità di questo studio.

Dal contenuto: Perché Mandricardo parla meglio di Orlando ovvero la fine
della poesia: un’introduzione - Tradizione e innovazione, memoria e
temporalità nel primo canto - Le due parti del Furioso e la posizione della
cesura - Il racconto evasivo: l'episodio di Ricciardetto ovvero la sconfitta della
diversità - Il preludio della fine: la funzione strutturale dell'episodio di Leone e
Ruggiero - La serietà di bambini ridenti - L'Orlando Furioso contro la didattica -
Rinaldo da persuasore a uomo d'azione: l'episodio scozzese - La goffaggine,
il segreto e il silenzio. Orlando e la quarta sequenza (canti VI-VIII) del Furioso
- Il funzionamento dell'alternanza ariostesca: i canti XIII-XVIII - I bruti
commossi: Mandricardo e Rodomonte - Personaggi iterativi, monologanti,
Caio e Sempronio, Femmine Omicide - L'evoluzione del narratore nel Furioso
e i meccanismi di adesione e distanza rispetto al narrato - Narratori
intradiegetici, discorsi diretti e indiretti, loquacità, laconicità, simmetrie e
asimmetrie. Alcune osservazioni in forma di commento.

L'autore: Gian Paolo Giudicetti è nato nel 1975 in Svizzera. Dal 2000 lavora
all'Università di Louvain-la-Neuve. É autore di un manuale per l'insegnamento
delle lingue romanze (I sette setacci, 2002, con C. Maeder, H. Klein, T.
Stegmann), di un libro d'interviste a scrittori svizzeri (2004), della monografia
La narrativa di Giuseppe Antonio Borgese (2005). Ha curato un numero
speciale di 'Les Lettres romanes' dedicato ad Ariosto. Con Marinella Lizza
Venuti ha scritto una monografia sulle Città invisibili di Calvino (2010). Ha
pubblicato articoli principalmente sulla narrativa italiana del XX secolo, la
letteratura svizzera, l'insegnamento delle lingue romanze e l'Orlando Furioso.

Publication Year: 2010
Publisher: Peter Lang AG
Review: Not available for review. If you would like to review a book on The LINGUIST List, please login to view the AFR list.
BibTex: View BibTex record
Linguistic Field(s): Discourse Analysis
Issue: All announcements sent out by The LINGUIST List are emailed to our subscribers and archived with the Library of Congress.
Click here to see the original emailed issue.

Versions:
Format: Paperback
ISBN-13: 9789052016320
Prices: U.K. £ 26.60
U.S. $ 45.95
Europe EURO 29.50